GASTRITE E ALIMENTAZIONE

GASTRITE E ALIMENTAZIONE

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

La gastrite è un problema fastidioso se non si segue  la giusta alimentazione. 

Con la gastrite la conoscenza degli alimenti “amici”e quelli da evitare è molto importante.

Essenzialmente la gastrite è un’infiammazione della mucosa dello stomaco, causata da diversi fattori tra cui: stress, fumo, uso eccessivo di  antinfiammatori, abuso di alcool o cause mediche.

Spesso i sintomi si presentano sotto forma di attacchi acuti, ma è assai frequente che degenerino in un disturbo cronico,si tratta di una problematica piuttosto comune che interessa un pò tutte le età e vasti strati di popolazione , si calcola che in modo più o meno lieve  colpisce fino al 90 per cento degli italiani,

Prevenire la gastrite:

Il nostro organismo e in particolar modo l’apparato digerente,risente delle  abitudini alimentari e dello stile di vita.

Se lo stomaco produce eccessiva acidità , questa passa nell’intestino provocando irritazioni che limitano l’assorbimento di alimenti fondamentali con conseguente alterazione dell’equilibrio organico.

Per prevenirne la comparsa, ma anche per attenuarne la sintomatologia, è necessario dunque modificare lo  stile di vita. 

Prevenzione.

Lavare spesso le mani con acqua e sapone per minimizzare il rischio d’infezioni da Helicobacter pylorisi ritiene possibile che il batterio venga trasmesso da soggetto a soggetto mediante l’assunzione di cibo od acqua infetti.

Consigli generali.

  • Ridurre lo stress
  • non fumare
  • dimagrire
  • limitare gli alcolici
  • limitare la somministrazione di antiinfiammatori
La gastrite può essere curata con relativa semplicità. seguendo la giusta alimentazione

Le Centrifughe

Qui di seguito alcuni alimenti sconsigliati o da limitare,

Limitare il consumo di carni e pesci grassi o conservati,sotto sale, aceto,sotto-olio, affumicati, formaggi grassi ( tipo il gorgonzola e pecorino), condimenti ed intingoli vari.

Bevande alcoliche e i superalcolici, vino bianco,The, caffè, bibite gassate, succhi di frutta ad eccezione di quelli molto acidi come la spremuta di pompelmo o di altri agrumi.

Alimenti freddi a stomaco vuoto, tipo le bevande ghiacciate, i gelati,le  granite Verdure cotte, carciofi, cavolo, ortiche, patate, banane.

Frutta acidula – mandarini, arance, cedro, ananas 

Verdura tipo-pomodori, peperoni, succo di pomodoro

Spezie (soprattutto pepe, aglio, peperoncino), sottaceti, salamoie, prodotti di pasticceria a base di creme.

Limitare al massimo o escludere i cibi lievitati ( pane-torte-aceto-pizza)

Altri consigli.

Nella fase acuta seguire i consigli alimentari indicati dal medico, quando si attenuano i sintomi allargare gradualmente la dieta.

Ascolta il tuo corpo evita i cibi che sai ti fanno male. Quando la fase acuta è passata fai delle prove, ingerisci piccole quantità di  alimenti sconsigliati e vedi cosa succede.

Alimenti consigliati.

  • Riso,pasta integrale,farro,avena,orzo,quinoia.
  • Latte con moderazione, preferire quello scremato, yogurt, kefir.
  • Carni bianche, pesce magro, formaggi magri tipo ricotta- stracchino.
  • Pesce no in scatola
  • Centrifugati di frutta, banane, mele,pere,cachi,angurie,meloni.
  • Frutta di stagione
  • Verdure cotte, carciofi, cavolo, ortiche, patate,asparagi,funghi(di stagione)
  • Verdure crude insalate,radicchi, cavoli,carote,prezzemoli,basilico,timo.
  • frutta secca -mandorle-noci pistacchi prugne

Altri consigli.

Cucinare con metodi di cottura leggeri come: bollitura, saltatura con olio extravergine di oliva o cottura alla griglia facendo  attenzione a non bruciare parti dell’alimento.

Cercare comunque di non consumare nello stesso piatto proteine di diversa provenienza come uova e legumi o carne e formaggi, sono consentite piccole dosi  di grana sul ragù magro della pasta.Se i sintomi della gastrite sono particolarmente intensi con vomito e/o diarrea è importante prevenire la disidratazione aumentando il consumo di liquidi con acqua tiepida, evitare invece thè caffè e bibite zuccherate.

Una passeggiata al termine del pasto può essere utile per favorire la digestione.

Bere di più acqua non gasata.

Il latte, essendo un cibo alcalino, ha un immediato effetto positivo in quanto la sua basicità va a contrastare l’acidità del contenuto gastrico, ma non esagerare con le quantità, dopo il sollievo iniziale può causare una veloce ricomparsa dei sintomi.

Cosa fare sempre.

Correggere eventuali comportamenti alimentari scorretti, adottando un regime dietetico sano ed equilibrato; è questo il primo e più importante rimedio da mettere in pratica in caso di gastrite acuta.

  • Masticare lentamenteDilazionare i pasti in tanti spuntini.
  • Limitare quanto possibile l’assunzione di antinfiammatori, nel caso non fosse possibile sospendere la terapia, associarvi – su consiglio medico – un farmaco gastroprotettore.
  • In caso di stress,rilassarsi con meditazione o yoga Ricorda che anche lo stress può incidere negativamente sulla salute, accentuando la pirosi gastrica.
  • Dedicarsi ad una pratica sportiva.
  • Consumare frutta lontano dai pasti perché può creare gonfiore gastrico.
  • Pranzare e cenare circa sempre alla stessa ora.
  • Abbinare correttamente i cibi. Ad esempio, evitare l’accostamento proteine + carboidrati.
  • Fare una passeggiata dopo un pasto per favorire la digestione ed evitare che il cibo ristagni troppo tempo nello stomaco.
  • Assumere abbondanti quantità di acqua costituisce un discreto rimedio per attenuare i sintomi da gastrite.
  • Bere alcolici. L’alcol è uno dei maggiori responsabili della gastrite acuta.
  • Fumare, il fumo, come l’alcol, irrita la mucosa gastrica accentuando i sintomi.
  • Mangiare quando si è eccessivamente nervosi o stressati. In simili circostanze, il paziente tende ad ingurgitare involontariamente abnormi quantità di cibo, masticandolo velocemente
  • Digiunare. Il digiuno, specie se prolungato, aumenta l’acidità di stomaco accentuando i sintomi della gastrite meglio il semidigiuno o attenuato 
  • dimagrire

Rimedi naturali.

Per velocizzare la guarigione, si consiglia di assumere tisane formulate con principi attivi estratti da piante mucillaginose e gastroprotettive:

In conclusione.

Il nostro apparato digerente è soggetto a continue sollecitazioni alimentari-ambientali e psico fisiche e prima o poi presenta il conto. 

La gastrite non è altro che la conseguenza delle continue sollecitazioni. Ecco l’aiuto di una  sana alimentazione è sempre la chiave fondamentale e preziosa per il nostro benessere psicofisico. 

Nel caso di una patologia legata all’apparato digerente come la gastrite è particolarmente importante migliorare e modificare il nostro stile alimentare evitando di assumere quei cibi in grado di irritare ulteriormente le nostre mucose gastriche.

Essenziale migliorare il proprio stile di vita, ma significa anche riflettere sulle nostre abitudini.

Quanti di noi consumano pasti velocemente o in piedi a causa dei ritmi frenetici a cui siamo sottoposti?

Ricorda infatti che mangiare e masticare con calma, stando seduti quando è possibile, equivale a facilitare la digestione e a tenere sotto controllo anche il senso di sazietà. 

Naturalmente seguire il protocollo indicato dal proprio medico curante è molto utile seguire un protocollo integrativo durante la fase dolorosa, ma anche a scopo preventivo in particolare se si è consapevoli di seguire uno stile di vita sbagliato. 

Leggi qui i miei consigli di integrazione sulla gastrite

Leggi anche qui sulla gastrite.

Salute attraverso i 5 Elementi - Libro
Riti per il Benessere Psico-Fisico

Le Virtù Terapeutiche dei Frullati Verdi - Libro
Come prevenire: depressione, obesità, colesterolo alto, infezioni respiratorie, malattie cardiovascolari, infiammazioni, disturbi intestinali, ecc…

Infiammazioni - I Killer Nascosti - Libro
Curare gli stati infiammatori in modo naturale e prevenire malattie cardiovascolari, cancro, diabete, colesterolo alto, artrosi e obesità

Maurizio Gobetti

Buona lettura e se l'articolo ti è piaciuto condividilo sui social network. Puoi lasciare un commento mi sarà molto gradito. Maurizio

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
Share