L’Acne e la pubertà

L’Acne e la pubertà

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

L’acne è una problematica con predisposizione genetica, legata essenzialmente alla produzione di ormoni androgeni.

Durane la pubertà ha il suo massimo sviluppo.

Considerata per molto tempo solo un inestetismo, in realtà è una vera e propria patologia che colpisce moltissimi adolescenti, condizionandone la vita di relazione in una fase tanto delicata come il momento dello sviluppo puberale.

Lo stadio iniziale è la seborrea e consiste nell’eccessiva produzione di sebo da parte del follicolo pilo sebaceo, classica del periodo adolescenziale, si contrasta efficacemente con una adeguata detersione del viso e applicazione di gel all’Aloe e  Propoli.

Sono vari I fattori che la causano :

ereditari, cattiva alimentazione (cibi grassi o fritti), ostruzioni nel canale pilo-sebaceo, cambiamenti ormonali (soprattutto nella prima adolescenza), batteri …

Il Follicolo Pilifaro

L’iperstimolazione ormonale agisce sul follicolo pilo sebaceo scatenando prima la seborrea (cioè ipersecrezione sebacea), poi la ipercheratosi, cioè la produzione di un tappo sebo-cheratinico che impedisce la fuoriuscita del sebo per arrivare infine l’infiammazione del follicolo dovuta alla proliferazione batterica all’interno del cosiddetto brufolo che sono tutti quei puntini fastidiosi.

Nei casi più gravi dell’acne è richiesto l’intervento del dermatologo che provvede a prescrivere una terapia adeguata, di solito un trattamento antibiotico; in tutti i casi è comunque utile seguire alcune semplici regole di pulizia e igiene:

  1. purificarsi e disintossicarsi dall’interno ogni giorno con succo di Pura Aloe Vera 
  2. mantenere un’alimentazione sana, ricca di frutta e verdura, soprattutto arance o kiwi
  3. evitare cibi grassi come formaggi, salumi, cioccolato e cibi fritti
  4. praticare sport
  5. provvedere alla pulizia quotidiana della pelle con un tonico adatto e l’applicazione del gel puro  sulle zone interessate
Leggi qui il giusto trattamento per la tua problematica.

 

Maurizio Gobetti

Buona lettura e se l'articolo ti è piaciuto condividilo sui social network. Puoi lasciare un commento mi sarà molto gradito. Maurizio

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
Share